TARALLI SUGNA, PEPE E MANDORLE

I taralli con sugna e pepe nascono nella Napoli del 700, in quell’epoca di povertà, quando la fame era tanta, niente era sprecato, quindi veniva unito del pepe e della sugna (lo strutto) a rimanenze di pasta di pane, le mandorle sono state aggiunte in seguito rendendo più ricche queste ciambelle rustiche. Fino a tempi non tanto remoti, venivano venduti per strada dai “tarallari” caratteristiche figure che andavano in giro con le “sporte” cesti in cui tenevano i taralli, coperti da un panno di lana per mantenerli caldi (nei miei ricordi di bambina li vedo ancora con la cesta sulle spalle). I cantinieri li servivano accompagnati da caraffe di vino, perché l’abbondante presenza di pepe, portando più sete, spronava l’avventore a bere di più. Oggi serviti con una buona birra gelata è il massimo dello snack, da godere in compagnia di parenti o amici.  

Taralli sugna, pepe e mandorle

Ingredienti

300 gr di farina 00

100 gr di sugna (strutto)

1 panetto di lievito di birra

2 cucchiaini di pepe macinato fresco

150 gr di mandorle tritate grossolanamente

½ bicchiere di acqua calda (100 ml)

1 cucchiaino raso di sale fino

Forno preriscaldato a 200° C dopo 10 minuti abbassare a 160°C per altri 10 minuti.

1 placca da forno di 40 ×35 cm. Rivestita con carta forno.

Fate sciogliere il lievito nell’acqua appena calda (non deve superare i 38-40°C) con il pizzico di zucchero. Versate in una capace ciotola la farina, il sale e il pepe, fate la fontana e nel centro mettete la sugna e il lievito precedentemente preparato. Impastate per 5-10 minuti, quindi unite le mandorle e impastate ancora finché non saranno incorporate.

Dall’impasto tirate dei filoncini di 20 cm di lunghezza per un diametro di un dito mignolo, piegatelo in due e attorcigliatelo poi unite gli estremi a formare il tarallo.

Sistemateli sulla placca del forno lasciando un poco di spazio tra l’uno e l’altro e lasciate lievitare per 1 ora o finché avranno quasi raddoppiato le dimensione.

Infornate per i primi 10 minuti a 200°C poi abbassate il forno a 160°C per ancora 15 minuti. A cottura ultimata dovranno risultare dorati e asciutti.

Appena freddi si possono congelare e siccome non contengono acqua, anche appena tolti dal freezer si possono mangiare, ma se scaldati nel forno risulteranno fragranti come appena fatti.

 

This entry was posted in ricette di mamma anna. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *