GRAFFETTE CON PATATE

Questo dolce mi riporta all’infanzia, a quando mia madre le preparava il giorno di san Giuseppe. Sono ottime e di facile esecuzione, bisogna però seguire piccole regole, l’impasto non deve essere lavorato troppo altrimenti le patate rilasciano acqua e il risultato non sarà ottimale, va quindi lavorato solo il tempo necessario a compattare bene gli ingredienti, 5 o 6 minuti. Vanno fritte in abbondante olio di semi.

Ingredienti per circa 35 graffette

½ kg di farina 00

½ kg di patate a pasta gialla (300 gr pesate cotte

e passate nello schiacciapatate)

60 gr di burro a temperatura ambiente

2 uova grandi

70 gr di zucchero

1 dl di latte tiepido

25 gr di lievito di birra (1 panetto)

La buccia grattugiata di 1 limone

Abbondante olio di semi

Una padella a bordi alti per la frittura.

Per una buona riuscita, e meglio usare patate piccole, che in circa 20 minuti arrivano a cottura. Mettete le patate nella pentola, coprite di acqua fredda, unite il sale necessario e portate a bollore. Quando incomincia a bollire, abbassate il fuoco e lasciate cuocere per circa 20 minuti, controllate la cottura infilando nella patata i rebbi di una forchetta o uno spiedino.

Sbucciatele ancora calde e passatele nello schiacciapatate, quindi pesate 300 gr di questa purea.

Setacciate la farina, fate al centro la fontana e in questa mettete le patate schiacciate, lo zucchero, la buccia grattugiata di limone, le uova intere e il lievito fatto sciogliere nel latte. Impastate tutto per pochi minuti, giusto il tempo che l’impasto risulti compatto e morbido.

Per formare le graffette, dividete l’impasto in tante palline della grandezza di una polpetta non troppo grande e ponetele sulla spianatoia. A parte posizionate un canovaccio su un ripiano per la lievitazione e spolverizzatelo di farina, per non far attaccare le graffette quando le appoggerete.

A questo punto prendete una pallina e schiacciandola al centro con pollice e indice da ambo i lati, bucatela al centro. Dal centro iniziate ad allargare piano piano l’impasto cercando di ottenere delle ciambelline di circa 7-8 cm e mettetele sul canovaccio. Ripetete l’operazione per tutte le altre, avendo l’attenzione di creare un buco molto grande al centro, altrimenti lievitando si richiuderà, e lasciando un poco di spazio tra una ciambellina e l’altra, altrimenti potrebbero attaccarsi tra di loro.

Quando avranno più che raddoppiato la grandezza (dovrà passare circa 1 ora e ½ o 2, poi dipende dal calore dell’ambiente).

Mettete sul fuoco una padella con abbondante olio (almeno un quantitativo pari a 2 dita, perché devono galleggiare) e, quando sarà caldo, prendete delicatamente ciambelline di pasta e adagiatele nell’olio, prima dal lato che stava sopra, poi l’altro e friggetele a fuoco medio.

Quando saranno dorate scolatele bene su carta da cucina, poi subito nello zucchero semolato.

 

This entry was posted in ricette di mamma anna. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *