MANZO PRIMAVERA

Questa portata vi permette di usare carni di terzo taglio, ottime, economiche, ma necessitano  di una lunga cottura, anche se in definitiva non di grande lavoro. Se volete una cottura più veloce potrete comunque usare la pentola a pressione, dimezzando così i tempi.

Ingredienti per 4 persone

800 gr di fascia delle costole (a Napoli è chiamata

corazza) tagliata a fette di circa1 cme ½

250 gr di cipolline novelle

250 gr di pomodori pelati e tagliati a dadini o pelati in scatola

250 gr di carote pelate e tagliate a bastoncino di carotine già pulite

200 gr di piselli (peso netto anche surgelati)

100 gr di pancetta a dadini

30 gr di burro

30 ml di olio d’oliva (3 cucchiai)

1 bicchiere di vino bianco

2 spicchi d’aglio interi

2 fettine di buccia di limone solo la parte gialla

1 cucchiaio di prezzemolo tritato o timo fresco per guarnire

Un paio di rametti di timo fresco o un cucchiaino di timo secco

Farina, sale e pepe q.b.

1 casseruola bassa da 22 cm di diametro con coperchio, meglio se antiaderente.

Prendete la casseruola e mettetela sul fuoco con il burro, l’olio e la pancetta, fatela friggere a fuoco basso in modo che non si bruci, ma che tutto il grasso si sciolga.

Quando è ben rosolata, togliete la pancetta e mettete la carne leggermente infarinata, le cipolline, gli spicchi d’aglio e il timo. Rosolate da entrambi i lati, rosolate bene anche le cipolline, quindi unite la pancetta, poi bagnate con il vino, salate e pepate.

Dopo un minuto o due, aggiungete la buccia di limone e i pelati a pezzetti. Appena prende il bollore abbassate al minimo il fuoco, mettete il coperchio e fate cuocere per circa 1 ora e ½ o finché la carne non sarà quasi cotta, avendo cura di rigirarla di tanto in tanto, perché la presenza della farina potrebbe far attaccare l’intingolo sul fondo.

Unite le carote e i piselli e cuocete finché saranno teneri (bastano una quindicina di minuti). Servite con una spolverata di prezzemolo o con timo fresco.

This entry was posted in ricette di mamma anna. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *