BABA’ AL RHUM CON CREMA

Questo è il modo più semplificato per fare il babà, non è il metodo classico che usavamo in pasticceria, ma il risultato rimane ottimo, ve lo assicuro. Io metto tutto nella planetaria (tranne il burro) e lascio che sia lei a faticare, dopo 5 minuti unisco il burro a temperatura ambiente. Certo se non avete l’impastatrice e dovete sbattere a mano il composto, la cosa diventa più faticosa, ma comunque per questo splendido dolce ne vale sempre la pena. Si possono utilizzare anche le fruste elettriche, ma dovete stare attenti a che il composto non finisca nel motore. Basterà una spatola per tenerlo giù. Con la dose che vi do potrete fare 2 babà, non conviene farne uno grande, è difficile da impiattare e bagnare o farne metà dose.

Ingredienti per 8-10 persone

½ kg di farina Manitoba (farina americana)

8 grandi uova

160 gr di burro a temperatura ambiente

40 gr di lievito di birra

½ cucchiaino di sale fino

60 gr di zucchero semolato

Sciroppo

1 litro e ½ di acqua

¾ di zucchero semolato

Le bucce di 2 limoni (solo la parte gialla)

150 ml di Rhum scuro

Crema pasticcera

500 ml di latte intero

2 grosse uova intere

140 gr di zucchero semolato

60 gr di farina 00

2 scorzette di limone fresco

Forno preriscaldato a 200°C.

2 stampi da budino da 22 cm di diametro senza foro al centro imburrato e infarinato.

una ciotola della stessa dimensione dello stampo.

Setacciate la farina nella ciotola dell’impastatrice, unite il sale, lo zucchero, le uova e il lievito sbriciolato. Applicate il gancio per gli impasti alla macchina, azionate prima a velocità bassa e quando tutta la farina è stata assorbita dalle uova, aumentate la velocità. Fate impastare per circa 5 minuti e unite il burro (che deve essere veramente morbido, non sciolto, ma quasi della stessa consistenza dell’impasto). Fate andare la macchina ancora per altri 10-15 minuti, fino a quando l’impasto diventa elastico e si stacca dalle pareti.

Ora coprite la ciotola con pellicola da cucina e lasciate lievitare finché non avrà raddoppiato la massa.

Con un grosso cucchiaio o con la mano, e senza strapazzare troppo il composto, passatelo nello stampo poi mettetelo a lievitare ancora finché l’impasto non raggiunge la sommità dello stampo (non copritelo con niente, perché deve formarsi la pellicina sopra).

Infornate per 15 minuti a 200°C e 15 minuti a 170°C alla fine dovrà risultare di un bel colore biscotto.

Mentre il babà cuoce preparate lo sciroppo, mettendo a bollire l’acqua con lo zucchero e le bucce di limone per una decina di minuti, filtratelo direttamente nella ciotola e lasciatelo intiepidire, ma non deve essere troppo freddo, quindi non mettetelo nel frigorifero (pensate che deve inzuppare il babà che è a base di burro).

Sformate il dolce e ancora caldo mettetelo nella ciotola con lo sciroppo in modo che si possa inzuppare, poi lasciatelo scolare su una gratella o un setaccio.

Preparate la crema. Mettete nella pentola lo zucchero e le uova intere e montatele con la frusta elettrica finché saranno diventate chiare e spumose. Unite la farina e continuate ad amalgamare con la frusta finché la farina sarà completamente incorporata.

Adesso versate nelle uova tutto il latte e le bucce di limone, mettete sul fuoco e a temperatura media portate a bollore, sempre continuando a rigirare con un frustino. Quando vedete che bolle, abbassate a minimo il fuoco e fate sobbollire per 2-3 minuti, sempre mescolando.

Quando sarà pronta versatela in una ciotola e lasciatela freddare. Per evitare che si formi la patina sopra, prendete un pezzo di pellicola da cucina e fatela aderire direttamente sulla crema.

Solo prima di servire, unite al Rhum la stessa quantità di bagna (quella stessa che avete usato per inzuppare il dolce), versatelo in una bottiglina o in un contenitore e portatelo in tavola insieme al babà (che avrete decorato a piacere con la crema). Così se qualcuno lo gradisce senza liquore o nel caso ci siano bambini, potrete togliete prima le loro porzioni e poi bagnate il resto del dolce con il liquore.

This entry was posted in ricette di mamma anna. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *